Depressione Post-Partum. Cos’è e quali sono i sintomi?

È normale che nel periodo subito dopo il parto la donna manifesti sbalzi d’umore e crisi di pianto.  È normale anche avvertire insofferenza e risentimento nei confronti del figlio, specialmente se il figlio si rifiuta di mangiare o si risveglia ripetutamente durante la notte.

Di solito, questi sentimenti vengono accettati con molta difficoltà non solo dalla madre ma anche dal contesto sociale e di conseguenza, per adeguarsi alle aspettative, la madre dissimula le sue preoccupazioni mascherando il suo stato d’animo con un’apparente felicità per la sua nuova condizione. Questa situazione dura in genere poco tempo.

In alcuni casi si sperimenta anche il maternity blues o sindrome del terzo giorno, ossia uno stato emotivo di profonda tristezza e affaticamento che anch’essa ha durata breve e, più raramente, la depressione post – partum.

La depressione post- partum non è un’invenzione; è un disturbo reale che deve riconosciuto come tale.

Nello specifico è una tipologia di depressione unipolare che può presentare diversi sintomi che dal primo mese o dal primo anno di nascita del bambino possono insinuarsi e durare a lungo sé non curati in tempo, nonché causare un periodo di insofferenza per la mamma e il bambino stesso.

Tra i sintomi principali della depressione post partum troviamo:

  • Tristezza e sconforto prolungati che non hanno cause specifiche o giustificazioni 
  • Mancanza di forza e mancanza di vogli di accudire il bambino
  • Scarsa voglia di svolgere qualsiasi tipo di attività che prima portava piacere
  • Umore altalenante e pianti improvvisi
  • Desiderio di stare da soli da familiari, amici e dal proprio bambino
  • Variazioni nell’appetito
  • Frustrazione
  • Irritabilità
  • Ansia
  • Pensieri negativi
  • Calo del desiderio sessuale

Nelle forme più gravi si possono avere:

  • Allucinazioni
  • Disorientamento
  • Paranoia
  • Comportamenti rischiosi per la vita del bambino
Quali sono le cause?
  • Squilibri ormonali
  • Deprivazione di sonno
  • Pretendere troppo da sé e non concedersi una tregua
  • Non chiedere aiuto nella gestione del neonato
  • Trascurarsi, non trovare tempo per sé stessi
  • Il peso del giudizio sociale
  • Senso di solitudine

La depressione post partum fa paura perché la società inculca l’idea che si debba sempre essere felici, che la gravidanza e il post partum siano momenti fantastici e che sarebbe un vero peccato non goderseli.

Quali sono i rimedi utili per combattere la depressione post partum?
  • Occorre evitare l’isolamento
  • Non essere stigmatizzata
  • La donna deve essere libera nel chiedere aiuto
  • sostegno

Un consiglio fondamentale è che se ci si dovesse accorgere di avere uno o più di questi sintomi la cosa più importante da fare è contattare un professionista e, in caso di necessità, passare un momento di separazione dal proprio bambino finché non si saranno risolti i propri problemi e non sarà in alcun modo messa a rischio la sua vita.

Nel nostro team ci sono persone esperte che possono aiutarti! Puoi contattarci attraverso email o numero di telefono che trovi sul sito.

Dott.ssa Sabina Colomba Liguori

Psicologa e Psicoterapeuta

APS Newid.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: