Da qualche tempo, il 2 ottobre si celebra in Italia la festa dedicata ai nonni. Un pensiero, una frase o un piccolo dono possono simboleggiare l’amore infinito che ciascun nipote riserva loro, contraccambiando l’affetto e le attenzioni ricevute.

Ma quanto è importante la figura dei nonni nella crescita di tutto il nucleo familiare?

La presenza dei nonni durante gli anni di sviluppo del bambino è, laddove possibile, essenziale, e costituisce una ricchezza. In particolare, queste figure assumono un importante ruolo, che li posiziona quali intermediari tra l’interno e l’esterno.
Rappresentanti dei legami familiari i nonni sono immediatamente al di fuori della cerchia della famiglia nucleare, in una posizione intermedia. Sono per il bambino un primo contatto con il mondo sociale, un contatto che presenta, però, ancora aspetti familiari.

Il compito dei nonni è delicato: essi si trovano al limite tra ciò che vorrebbero fare per dimostrare il loro affetto e ciò che possono concedere ai nipoti.

La mansione familiare e sociale demandata loro è non educativa, o almeno non principalmente . Viene richiesto ai nonni di aiutare, affiancare e accompagnare i nipoti durante gli anni di crescita, ma anche di non interferire nelle decisioni dei genitori, di rispettarne le decisioni.

Il piacere di manifestare il proprio amore si accompagna alle difficoltà del sapersi frenare: si tratta di una bilancia che non è sempre semplice mantenere in equilibrio.

I benefici di tale equilibrio, però, si manifestano in tutte le generazioni. I più piccoli possono trascorrere momenti di gioco libero e vedere accontentati i propri desideri. I loro genitori hanno la possibilità di organizzare meglio il proprio tempo, tra lavoro e attenzione ai figli, e allo stesso tempo ne traggono vantaggi economici e di salute.

Anche i nonni stessi ne traggono benefici: coltivano gli affetti, impiegano il proprio tempo libero in attività che producono gioia e si mantengono vitali, attivi e giovanili attraverso l’accudimento dei nipoti.

In particolare, la presenza dei nonni nella vita dei più piccoli è costituita dal legame che essi costituiscono con il passato.

I nonni rappresentano l’anello che ricongiunge i più giovani alla tradizione, e attraverso la condivisione dei ricordi rafforzano nei bambini il senso di appartenenza alla famiglia.

Per questo motivo è molto importante che il tempo trascorso assieme ai nipoti sia caratterizzato anche da racconti di vita vissuta, che aiutino i più piccoli ad apprendere il legame con la propria storia.

In questo modo, i nonni diventano un punto fermo, elemento di protezione e di conforto per i nipoti: un legame che rimane vivo, anche attraverso il ricordo, a dispetto del tempo e della distanza.

 

Dott.ssa Alessia Cuccurullo

Psicologa e Psicoterapeuta

APS Newid

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: