videogiochi

VIDEOGIOCHI – MANIA: Gioco o son desto?

I videogiochi, al giorno d’oggi, sono diventati una forma sempre più comune e diffusa di intrattenimento.

Diverse ricerche sul campo hanno dimostrato che, tale forma di intrattenimento, risulta avere un effetto sul cervello e sul comportamento dell’essere umano. Da una parte l’uso dei videogiochi influenza e migliora sia le capacità attentive portandone dei miglioramenti in particolare nell’attenzione selettiva, sia aumentando la dimensione e l’efficienza delle regioni del cervello implicate nelle competenze visuo-spaziali. Dall’altra parte l’uso massiccio e continuo di videogiochi può portare il soggetto che ne fa uso a diventarne dipendente non riuscendo, di conseguenza, a controllarne il bisogno.

Tale tipo di dipendenza molto spesso risulta avere le stesse caratteristiche della dipendenza dal gioco d’azzardo. Questo perché i giochi per smartphone e quelli d’azzardo anche molteplici caratteristiche comuni:

  • possibilità di utilizzare denaro per incrementare le potenzialità del videogame, oppure per poter continuare a giocare senza interruzioni;
  • utilizzo di immagini stilizzate di dolcetti, caramelle, diamanti (come nelle slot machines) che rimandano a ricordi dell’infanzia piacevoli, e come conseguenza un parziale distacco dalla realtà circostante che favorirebbe l’allungarsi dei tempi di gioco;
  • tendenza a complimentarsi con il giocatore con voci calde nei videogiochi per smartphone e con applausi e complimenti per le slot;
  • semplicità delle regole di gioco;
  • illusione di poter controllare i propri risultati al gioco che invece mantiene la dipendenza.

L’uso spasmodico dei videogiochi è quindi notevolmente pericoloso, in quanto rischia molto spesso di non rimanere un momento ludico ma un’ossessione e compulsione che condiziona la vita reale. Tra le possibili conseguenze possiamo ritrovare: reazioni emotive spropositate e inadeguate verso il gioco, isolamento, riduzione delle attività sociali nella vita reale, un calo del rendimento scolastico e lavorativo.

 

Dott.ssa Denise Basile

Psicologa Psicoterapeuta

APS Newid

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: