Cos’è lo stress da infertilità? Ne abbiamo parlato in un articolo precedente affrontando cosa una coppia vive dalla diagnosi di infertilità in poi.

https://www.psicologinewid.it/infertilita/

In questo articolo, invece, vorremmo soffermarci sulle strategie che possono aiutare la coppia ad affrontare questo periodo così difficile…

Eccone quindi alcuni spunti

Accetta la crisi

L’infertilità può essere una delle maggiori sfide della tua vita. Non fare “finta di niente”: riconoscere la difficoltà e accettare le emozioni (comprese le crisi di pianto e la rabbia) è la condizione indispensabile per elaborarle.

Impara a parlare del tuo problema di infertilità

Decidi con il partner, cosa e quanto volete informare gli altri riguardo alla vostra infertilità, per tutelare la vostra intimità e privacy. Non è opportuno nascondersi, ma non è affatto necessario esporsi al rischio dell’incomprensione e dell’indifferenza soprattutto riguardo ad aspetti psicologicamente delicati. Scegli consapevolmente con chi, quando, come e di cosa vuoi parlare.

Non sentirti in colpa

Resisti alla tentazione di prendertela con te stesso e di accusarti per tutte le scelte fatte finora. Farsi catturare dai “cattivi” pensieri non può far altro che peggiorare le cose, mentre occorre concentrarsi sul futuro.

Sii solidale con il tuo partner

La collaborazione e comprensione reciproca sono fondamentali. Questo significa anche e soprattutto saper riconoscere e accettare le reazioni psicologiche dell’altro (che possono essere diverse dalle tue) e aiutarlo tenendo conto di ciò di cui ha bisogno.

Aggiornati il più possibile

Leggi il più possibile sull’infertilità e chiedi informazioni al tuo medico e alle altre coppie che affrontano il tuo stesso problema di infertilità. Oltre ai libri, consulta internet e mettiti in contatto con le comunità virtuali di pazienti.

Decidi per quanto tempo vuoi provare ancora

Alcune coppie decidono sin dall’inizio che non “si arrenderanno” fino a che non avranno realizzato il loro desiderio di avere un figlio. Per altri, invece, stabilire un limite di tempo e di risorse, anche emotive, da destinare al progetto procreativo, può essere importante. Decidere, riconoscendo e accettando i propri limiti, pur restando liberi di rivedere la propria decisione, può avere l’effetto positivo di sentirsi maggiormente padroni della propria vita e più in grado di fare fronte all’incertezza del risultato.

Decidi quanto vuoi spendere

La PMA può essere costosa, e questo può causare un forte stress aggiuntivo. Informati sui costi relativi alle differenti tecniche e pianifica in anticipo l’entità e la durata della spesa che ritieni di poter sostenere.

Chiedi aiuto se ne senti il bisogno

Spesso la sofferenza causata dall’infertilità è sottovalutata da chi ti circonda e in generale dalla società. Questo non fa che aumentare il desiderio di solitudine e di isolamento. Invece, condividere la propria esperienza e le proprie emozioni, anche negative, può essere di grande aiuto. Rivolgiti ad uno specialista psicologo o tieniti in contatto con coppie o associazioni di pazienti.

Coltiva altri interessi e non trascurarti

Un trattamento di PMA può essere impegnativo quasi come se fosse lavoro a sé. Non lasciarti assorbire completamente dal tuo problema di infertilità, esisti anche tu. E’ importante conservare il senso della propria integrità e identità, mantenendo uno spazio mentale e un tempo libero dalla preoccupazione e dall’ansia causate dall’infertilità.

Prova a rilassarti

Esistono delle tecniche di riduzione dello stress come lo yoga o la meditazione, molto utilizzate e consigliate. Anche l’esercizio fisico può essere di aiuto nel contenere la tensione emotiva.

 

“Non posso concepire, nè partorire un bambino; sono infertile.
L’infertilità spazza via la mia autostima, una violazione della mia privacy; un esame finale sulla capacità di superare gli ostacoli, un affronto al mio senso di giustizia, un doloroso ricordo che nulla può essere dato per scontato. L’infertilità è una ferita al mio corpo, alla mia anima, alla mia psiche. 
Il dolore è intenso…”
(Jorgensen, 1082)

Dott.ssa Piera Boscaino

Psicologa e Psicoterapeuta

APS Newid

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: